Menu Chiudi

ALBA. ITINERARI D’ARCHITETTURA STORICA E CULTURA FIGURATIVA TRA ANTICHITÀ ROMANA E PRIMO NOVECENTO

Walter Accigliaro, Luisa Albanese, Gianni Boffa, Silvia Gallarato, Bruna Ghiglione, don Piero Racca, Silvio Rolando – a cura di Walter Accigliaro – prefazione di Franco Bernabè – fotografie di Giacomo Lovera, Severino Marcato, Enzo Massa, Pierangelo Vacchetto

ALBA. Itinerari d’architettura storica e cultura figurativa tra antichità romana e primo Novecento

La corposa opera editoriale intende percorrere la città, illustrando testimonianze storico-artistiche  nel concentrico e nella periferia urbana. In tal senso vengono esaminati reperti archeologici d’età romana e medievale, visibili sia nel sottosuolo, sia nelle aree urbane, sia nel Museo civico ed in quello diocesano. Ma perlopiù i vari saggi si occupano delle risultanze in città tra il periodo comunale e l’età moderna. Tuttavia, quali esiti nelle rispettive epoche, sono attentamente illustrate realizzazioni architettoniche di notevole interesse: torri, chiese e palazzi storici dal Medioevo al primo Novecento, con riferimenti anche a numerose opere d’arte. Per scelta cronologica, non sono trattate specificatamente tematiche e realizzazioni riscontrabili dopo gli anni ’20 del Novecento, tranne successivi, circostanziati richiami imprescindibili.

Il volume, seppur redatto da diversi autori qualificati, non è una mera guida turistica, neppure una ponderosa raccolta di studi specialistici. Non vuole essere l’approfondita storia cronologica e documentaria della città, già sviluppata da altre opere editoriali. Si può collocare tra le accurate pubblicazioni che svolgono un conoscitivo ruolo intermedio tra le due categorie. Cognizioni corrette, non superficiali, talvolta revisioni informative ed aggiornamenti, dettagli significativi, inquadramenti storici delle salienti testimonianze ancor osservabili nella città e nella periferia urbana costituiscono l’impostazione principale e la caratterizzazione dei vari contributi nel volume, comunque non privo di novità conoscitive.        

Un’accurata ed ampia documentazione fotografica, appositamente realizzata, correda e corrobora i testi, non in modo “effimero”. Unitamente agli schematici grafici planimetrici ed ai minuti dettagli di stampe e disegni di varia epoca, le immagini rendono il volume percettivamente accattivante, ma fornendo un’adeguata integrazione d’informazione visiva alle rispettive trattazioni.

L’illustrazione conoscitiva della città dall’età romana al primo Novecento, è articolata tra relativi inquadramenti storici, fra osservazioni d’architettura ed arte per evidenziare ampi tratti di civiltà urbana stratificati dallo scorrere del tempo. Dal singolo edificio alle opere significative, ai reperti archeologici, l’excursus stimola attenzioni pluridisciplinari. Una delle finalità basilari del volume è quella di suscitare anche l’interesse organico verso l’evoluzione della cultura figurativa ad Alba in età moderna, senza dimenticare alcune figure di progettisti e di pittori albesi, attivi tra Settecento ed Ottocento, che meritano una consapevole rivalutazione. Al lettore attento, residente in città o visitatore temporaneo, come allo studente ed all’operatore culturale, quest’opera editoriale offre un valevole strumento di conoscenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.